Eno-sapere » Cinema

Un'ottima annata - a good year

Regia: Ridley Scott

Russell Crowe, un cinico professionista alla borsa di Londra, riceve inaspettatamente la notizia che suo zio è morto, lasciandogli una casa e terreni in Provenza. Organizza una visita per vendere velocemente e tornare alle sue attività, ma il vino, i profumi e i colori di Provenza, complice una bella locandiera (Marion Cotillard), gli fanno prendere coscienza che il lavoro non è tutto. Crowe lascia le sue attività e si dedica a curare la sua vigna, Le Coin Perdu.

Il film è abbastanza scontato e si snoda felicemente tra momenti comici, flash back dello zio (Albert Finney) e la Provenza. Un film che è un inno al vino; lo zio ricorda a Crowe giovane: “Ogni annata non è nient’altro che la Verità in bottiglia. Non importa se ha piovuto, ha fatto caldo, se hai vendemmiato in anticipo o in ritardo, il vino ti sussurrerà sempre nella tua bocca la sua completa e sfrontata onestà”.

 


Sideways - in viaggio con Jack

Regia:  Alexander Payne

Un road movie, dove l'amicizia fra due uomini di mezza età, è la dolceamara riflessione sul continuare a essere dei "novelli" giovani o apprezzare i piaceri della maturità, dell'invecchiamento.
Jack (Thomas Haden Church) è un attore di soap opera in procinto di sposarsi. Il suo migliore amico Miles (Paul Giamatti), bruttino, dolorosamente divorziato da due anni, e scrittore non proprio di successo, decide di fargli un regalo speciale. Una settimana sulle strade del vino della California, per un piacevole e intenso addio al celibato fra calici di vinoe campi da golf. Incontreranno anche l'amore, e Miles conoscerà Maya (Virginia Madsen), che, come lui, vive per la gioia di una buona bottiglia.
Ironico e riflessivo, il film delinea i personaggi, le loro forze, le loro debolezze, e le mette in parallelo al vino, alle modalità dell'invecchiamento, di conservazione, di degustazione. I sette giorni che Miles e Jack trascorrono insieme sono il percorso di crescita di due uomini, profondamente diversi fra loro, ma legati da un'amicizia ventennale. Sideways, lento nell'apertura, ironico nel suo incedere, prende vita attimo dopo attimo quando le vineyards californiane e le cantine illuminano la scena. E' la sottile magia di un film, che realmente va lasciato decantare, per apprezzarne le qualità.
Come dice Maya, in uno dei momenti più intensi del film, il vino è vivo, come ognuno di noi. Nasce, cresce e raggiunge la maturità. In quel momento, ha un gusto fantastico.


Rupi del vino

Regia: Ermanno Olmi

Il documentario di Ermanno Olmi è un viaggio sensoriale alla scoperta della Valtellina tramite il suo vino. Ma di cosa è fatto il vino della Valtellina e da cosa viene il suo sapore, il colore e l’odore? Le immagini toccano la fredda  ardesia con cui sono fatti i muretti a secco dei terrazzamenti, insegnati dai Liguri,  abbarbicati sulle montagne e le mani rugose dei coltivatori  che  odorano del profumo della terra smossa, risuonano del rumore silenzioso delle forbici sui vitigni, guardano gli occhi delle generazioni di vignaioli che lavorano insieme, i nonni con i padri e i loro figli.  Voci celebri o di comuni valligiani raccontano un intero ciclo agricolo: dall’inverno alla vendemmia, sotto la neve fredda o il sole cocente, i terrazzamenti, la vinificazione, lo stile di vita tanto antico quanto attuale e autentico di questi luoghi. L’insieme diventa quasi sacro con il sottofondo solenne di Bach e Liszt, coniugato ai silenzi pieni di suoni della valle.
La macchina da presa segue i portatori con le gerle colme di grappoli, il percorso del sole fra le cime, riprende i disegni dei terrazzamenti sui fianchi dei monti, osserva la vite da semplice innesto nella terra a rigogliosa e china sotto il peso dell’uva matura.
Tutto questo si assapora in un bicchiere di vino e così annota il regista :  "Cinque sono i motivi per bere: l'arrivo di un amico, la bontà del vino, la sete presente e quella che verrà, e qualunque altro".
Il documentario è prodotto per proporre l'entrata dell'area della Valtellina nella lista del Patrimonio dell'UNESCO.

⇒  un estratto del film